I più famosi testi di Karl Marx

La Rivista dei Libri ha predisposto la classifica dei più venduti libri di Karl Marx in assoluto.

Questa classifica si basa sui libri di Karl Marx più acquistati sul mercato nell’ ultimo mese.

🏆Migliori libri di libri di Karl Marx: classifica

Il manifesto del Partito Comunista

Il manifesto del Partito Comunista
138 Recensioni

  • Marx, Karl (Author)

Il manifesto del Partito Comunista

Il manifesto del Partito Comunista
138 Recensioni

  • Marx, Karl (Author)

Il capitale. Ediz. integrale

Il capitale. Ediz. integrale
177 Recensioni

  • Marx, Karl (Author)

Il capitale (Vol. 1)

Il capitale (Vol. 1)
39 Recensioni

  • Marx, Karl (Author)

Manifesto del Partito comunista

Manifesto del Partito comunista

  • Marx, Karl (Author)

🏷️💲Libri di Karl Marx in promozione

Testi di Karl Marx in offerta:

Il manifesto del Partito Comunista

Il manifesto del Partito Comunista
138 Recensioni

  • Marx, Karl (Author)

Il capitale. Ediz. integrale

Il capitale. Ediz. integrale
177 Recensioni

  • Marx, Karl (Author)

Il manifesto del Partito Comunista

Il manifesto del Partito Comunista
138 Recensioni

  • Marx, Karl (Author)

🥇Il miglior libro di Karl Marx

Selezionare il Miglior libro di Karl Marx potrebbe essere un po‘ più complicato di quanto si creda. Nonostante ciò, in base alle opinioni dei lettori abbiamo scelto quello che secondo noi Il manifesto del Partito Comunista al prezzo di 5,49 EUR è il migliore libro di Karl Marx presente online:

Votazione finale: 4.6

Il migliore
Il manifesto del Partito Comunista
138 Recensioni

Il manifesto del Partito Comunista

  • Marx, Karl (Author)

Speriamo che la nostra selezione vi sia risultata utile. Se è cosi aiutaci pubblicizzando questo articolo sui social.

Scopri i migliori testi grazie alle classifiche de “La Rivista dei Libri”.

Approfondimento su Karl Marx

Karl Heinrich Marx (AFI: [ˈkaɐ̯l ˈmaɐ̯ks]; spesso italianizzato in Carlo Marx) (Treviri, 5 maggio 1818 – Londra, 14 marzo 1883) è stato un filosofo, economista, storico, sociologo, politologo, giornalista e politicotedesco.

Nato in una famiglia ebrea relativamente agiata della classe media, Marx studiò all’Università di Bonn e all’Università Humboldt di Berlino, iniziando a interessarsi alle opinioni filosofiche dei giovani hegeliani. Dopo la laurea contribuì alla Gazzetta renana, giornale radicale di Colonia. Trasferitosi a Parigi nel 1843, continuò a lavorare per diversi giornali radicali e incontrò importanti amici e sostenitori, tra cui Friedrich Engels, con cui pubblicò il Manifesto del Partito Comunista nel 1848. Esiliato dalla Francia nel 1849 a causa delle sue idee politiche e per il suo supporto ai moti del 1848, Marx si trasferì con la moglie Jenny von Westphalen e i figli prima a Bruxelles e poi a Londra. Qui continuò a lavorare come giornalista per il giornale anglo-americano New York Tribune e ad approfondire i suoi studi sull’economia politica, arrivando così a elaborare la sua teoria economica che avrebbe dovuto essere esposta ne Il Capitale, di cui Marx riuscì a pubblicare solamente il primo volume nel 1867. I successivi due volumi sarebbero stati pubblicati postumi da Engels (1885 e 1894) e la versione completa delle Teorie del plusvalore da Karl Kautsky (1905-1910).

Negli anni ’40 il giovane Marx scrisse la tesi di dottorato La differenza tra la filosofia della natura di Democrito e quella di Epicuro (1841), Il manifesto filosofico della Scuola storica del diritto (1842), Per la critica della filosofia del diritto di Hegel (1843), Sulla questione ebraica (1844), Note su James Mill (1844), i Manoscritti economico-filosofici del 1844 (1844), La sacra famiglia (scritta insieme a Engels) (1845), le Tesi su Feuerbach (1845), L’ideologia tedesca (scritta insieme a Engels) (1846), Miseria della filosofia (1847) e Lavoro salariato e capitale (1848), oltre al Manifesto del Partito Comunista (1848), libello scritto assieme al sodale Engels fra il 1847 e il 1848 e commissionato dalla Lega dei Comunisti, di cui faceva parte, per esprimere il loro progetto politico. Di queste opere solo alcune furono pubblicate in vita. Gli anni ’50 videro la pubblicazione de Le lotte di classe in Francia dal 1848 al 1850 (1850), Il 18 brumaio di Luigi Bonaparte (1852), i Grundrisse (1857) e Per la critica dell’economia politica (1859). Gli anni ’60 videro il Marx maturo impegnato negli scritti sulla guerra civile americana (1861-1865), sui tre volumi delle Teorie del plusvalore (1862), sul Salario, prezzo e profitto (1865) e sul primo volume de Il Capitale(1867). Gli ultimi anni della vita di Marx videro la pubblicazione de La guerra civile in Francia (1871), la Critica del Programma di Gotha (1875) e le Note su Adolph Wagner (1883).

Partecipò attivamente anche al movimento operaio e presto divenne una figura importante nella Prima Internazionale (1864-1876) fino alla sua morte. Il suo pensiero, incentrato sulla critica in chiave materialista dell’economia, della società, della politica e della cultura capitalistiche, esercitò un peso decisivo sulla nascita delle ideologie socialiste e comuniste, dalla seconda metà del XIX secolo in poi, dando vita alla corrente socioeconomico politica del marxismo. Teorico della concezione materialistica della storia e insieme a Engels del socialismo scientifico, Marx è considerato tra i pensatori maggiormente influenti sul piano politico, filosofico ed economico nella storia dell’Ottocento e del Novecento.

 

Leggi anche

Ultimo aggiornamento 2021-04-10 at 21:12 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API