I più famosi libri di Jean-Paul Sartre

La Rivista dei Libri ha preparato la selezione aggiornata dei migliori libri di Jean-Paul Sartre in assoluto.

Questa classifica si basa sui libri di Jean-Paul Sartre più venduti sul mercato nell’ ultima settimana.

🏆Migliori libri di libri di Jean-Paul Sartre: ecco la classifica

Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio

Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio
4 Recensioni

  • Recalcati, Massimo (Author)

La nausea

La nausea
163 Recensioni

  • Sartre, Jean-Paul (Author)

Il muro

Il muro
25 Recensioni

  • Sartre, Jean-Paul (Author)

Nausea

Nausea
286 Recensioni

  • Sartre, Jean-Paul (Author)

L'immaginario

L'immaginario
5 Recensioni

  • Sartre, Jean-Paul (Author)

🏷️💲Libri di Jean-Paul Sartre in sconto

Libri di Jean-Paul Sartre in promozione:

Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio

Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio
4 Recensioni

  • Recalcati, Massimo (Author)

La nausea

La nausea
163 Recensioni

  • Sartre, Jean-Paul (Author)

Il muro

Il muro
25 Recensioni

  • Sartre, Jean-Paul (Author)

🥇Miglior libro di Jean-Paul Sartre: bestseller in assoluto

Selezionare il Miglior libro di Jean-Paul Sartre potrebbe essere un po‘ più difficile di quanto si pensi. Ciò nonostante, in base al nostro giudizio abbiamo selezionato quello che secondo noi Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, al prezzo di 19,00 EUR risulta il migliore libro di Jean-Paul Sartre presente in vendita:

Votazione finale: 4.7

Offerta 5%Il migliore
Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio
4 Recensioni

Ritorno a Jean-Paul Sartre. Esistenza, infanzia e desiderio

  • Recalcati, Massimo (Author)

Ci auguriamo che la nostra selezione vi sia stata utile. Se vi è piaciuta aiutaci pubblicizzando questo articolo sui social.

Scopri i migliori testi grazie ai consigli de “La Rivista dei Libri”.

Per approfondire Jean-Paul Sartre

Jean-Paul-Charles-Aymard Sartre (AFI: [ʒɑ̃.pɔl ʃaʁl ɛ.maːʁ saʁ.tʁ(ə)]; Parigi, 21 giugno 1905 – Parigi, 15 aprile 1980) è stato un filosofo, scrittore, drammaturgo e critico letterario francese, considerato uno dei più importanti rappresentanti dell’esistenzialismo, che in lui prende la forma di un umanesimo ateo in cui ogni individuo è radicalmente libero e responsabile delle sue scelte, ma in una prospettiva soggettivista e relativista. In seguito Sartre diverrà un sostenitore dell’ideologia marxista, della filosofia della prassi e, pur con dei profondi “distinguo”, anche del conseguente materialismo storico.

Nel 1964 fu insignito del Premio Nobel per la letteratura, che però rifiutò, motivando il rifiuto col fatto che solo a posteriori, dopo la morte, fosse possibile esprimere un giudizio sull’effettivo valore di un letterato. Nel 1945 aveva già rifiutato la Legion d’onore e, in seguito, la cattedra al Collège de France.

Sartre fu uno dei più importanti intellettuali del XX secolo, influente, amato e criticato al tempo stesso, e uno studioso le cui idee furono sempre ispirate a un pensiero politico orientato verso la sinistra internazionale (negli anni della guerra fredda sostenne talvolta le ragioni dell’allora Unione Sovietica, pur criticandone anche duramente la politica in diversi suoi scritti). Divise con Simone de Beauvoir – conosciuta nel 1929 all’École Normale Supérieure – la propria vita sentimentale e professionale, pur avendo entrambi altre relazioni contemporanee. Ebbe inoltre rapporti di collaborazione culturale con numerosi intellettuali contemporanei, come Albert Camus e Bertrand Russell, con cui fondò l’organizzazione per i diritti umani denominata Tribunale Russell-Sartre.

Secondo Bernard-Henri Lévy, il teatro di Sartre colpisce ancora per i suoi testi, che contengono inquietanti profezie sulla crisi della civiltà occidentale capitalista e consumistica, e per la sua forza. Fu inoltre autore di romanzi e di importanti saggi. Sartre morì nel 1980 al culmine del suo successo di intellettuale “impegnato”, quando ormai era diventato icona della gioventù ribelle e anticonformista del dopoguerra, in modo particolare della frazione maoista, di cui era diventato leader insieme a Pierre Victor (pseudonimo di Benny Lévy), passando dalla militanza nel Partito Comunista Francese a una posizione di indipendenza di tipo anarco-comunista, abbandonando sia il marxismo-leninismo sia le sue derivazioni. Si stima che al suo funerale presenziarono cinquantamila persone. È sepolto nel cimitero di Montparnasse a Parigi.

 

Leggi anche

Ultimo aggiornamento 2021-04-11 at 09:54 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API