I più famosi bestseller di Curzio Malaparte

La Rivista dei Libri ha preparato la selezione dei migliori libri di Curzio Malaparte in assoluto.

Questa classifica si basa sui libri di Curzio Malaparte più acquistati sul mercato nell’ ultimo mese.

🏆Migliori libri di libri di Curzio Malaparte: ecco la classifica dei più venduti

Maledetti toscani

Maledetti toscani
39 Recensioni

  • Malaparte, Curzio (Author)

Kaputt: 451

Kaputt: 451
58 Recensioni

  • Malaparte, Curzio (Author)

La pelle

La pelle
192 Recensioni

  • Malaparte, Curzio (Author)

Il buonuomo Lenin

Il buonuomo Lenin
3 Recensioni

  • Malaparte, Curzio (Author)

J 5730 LIBRO LA PELLE DI CURZIO MALAPARTE 1967

J 5730 LIBRO LA PELLE DI CURZIO MALAPARTE 1967

  • Curzio Malaparte (Author)

🏷️💲Libri di Curzio Malaparte in offerta

Testi di Curzio Malaparte in promozione:

La pelle

La pelle
192 Recensioni

  • Malaparte, Curzio (Author)

Kaputt: 451

Kaputt: 451
58 Recensioni

  • Malaparte, Curzio (Author)

Maledetti toscani

Maledetti toscani
39 Recensioni

  • Malaparte, Curzio (Author)

🥇Il miglior libro di Curzio Malaparte

Scegliere il Miglior libro di Curzio Malaparte potrebbe essere più difficile di quanto sembri. Nonostante ciò, in base alle recensioni dei lettori abbiamo selezionato quello che secondo noi La pelle al prezzo di 12,35 EUR risulta il migliore libro di Curzio Malaparte presente su Amazon:

Votazione finale: 4.2

Offerta 5%Il migliore
La pelle
192 Recensioni

La pelle

  • Malaparte, Curzio (Author)

Ci auguriamo che la nostra selezione vi sia stata utile. Se è cosi aiutaci pubblicizzando questo articolo sui social.

Scopri i migliori libri grazie ai consigli de “La Rivista dei Libri”.

Per approfondire Curzio Malaparte

Curzio Malaparte, nome d’arte di Kurt Erich Suckert (Prato, 9 giugno 1898 – Roma, 19 luglio 1957), è stato uno scrittore, giornalista, militare, poeta e saggista italiano, nonché diplomatico, agente segreto, sceneggiatore, inviato speciale e regista cinematografico, una delle figure centrali dell’espressionismo letterario in Italia e del neorealismo.

È particolarmente noto, soprattutto all’estero, per i suoi romanzi Kaputt e La pelle, opere a sfondo autobiografico basate sulla sua esperienza di giornalista e ufficiale durante la seconda guerra mondiale, e Maledetti toscani.

Scrittore dallo stile realistico e «immaginifico», definito come «cinico e compassionevole» al tempo stesso e talvolta avvicinato alle tematiche e allo stile espressionista crudo di Louis-Ferdinand Céline con cui ebbe un’amicizia epistolare, come intellettuale fu dapprima un sostenitore del fascismo, poi una voce critica e un oppositore dello stesso. Caratteristica della sua letteratura è la mescolanza di fatti reali – lo scrittore è stato infatti avvicinato alla corrente del neorealismo -, spesso autobiografici, ad altri immaginari, talvolta esagerati in maniera voluta e consapevole, fino al farsesco, specialmente quando deve denunciare le atrocità della seconda guerra mondiale.

Interventista e volontario nella Grande Guerra, ammiratore di Mussolini e “fascista della prima ora”, partecipò alla marcia su Roma e fu attivo nelle posizioni di fascismo di sinistra intransigente, sostenendo la cosiddetta rivoluzione fascista; allontanatosi gradualmente dal regime (venne anche mandato al confino, da cui uscì grazie all’amicizia con Galeazzo Ciano, genero del Duce), dopo l’8 settembre 1943 si arruolò nell’Esercito Cobelligerante Italiano del Regno d’Italia e collaborò con gli Alleati (cui pure non risparmiò pesanti critiche) nel Counter Intelligence Corps nella lotta contro i nazisti e i fascisti della RSI, a cui non aderì. Prima anticomunista, nel secondo dopoguerra si avvicinò al Partito Comunista Italiano, grazie all’interessamento di Palmiro Togliatti che lo assunse come cronista, sebbene molti dubitassero della effettiva sua adesione, o avvicinamento, al PCI (e contemporaneamente al Partito Repubblicano Italiano, a cui già aderiva da giovanissimo, al quale si iscrisse poco prima di morire). Morì dopo essersi convertito in punto di morte alla Chiesa cattolica, assistito dai sacerdoti padre Cappello e padre Rotondi, secondo le testimonianze di questi.

Lo pseudonimo, che usò dal 1925, fu da lui ideato come umoristica paronomasia basata sul cognome “Bonaparte”. Si soprannominò e venne soprannominato l'”Arcitaliano”, per avere racchiuso nella sua complessa e contraddittoria personalità molti difetti e pregi degli italiani.

 

Leggi anche

Ultimo aggiornamento 2021-07-26 at 15:31 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API