I 5 imperdibili testi di Adolf Hitler

La Rivista dei Libri ha predisposto la classifica dei migliori libri di Adolf Hitler in assoluto.

Questa selezione si basa sui libri di Adolf Hitler più acquistati su Amazon nell’ ultima settimana.

🏆Migliori libri di libri di Adolf Hitler: ecco la classifica dei bestseller

Adolf Hitler: Biografia di un dittatore

Adolf Hitler: Biografia di un dittatore
2 Recensioni

  • Thamer, Hans-Ulrich (Author)

Adolf Hitler: Die Jahre des Aufstiegs 1889 - 1939. Biographie

Adolf Hitler: Die Jahre des Aufstiegs 1889 - 1939. Biographie
64 Recensioni

  • Ullrich, Volker (Author)

Adolf Hitler: analisi di una mente criminale. Psicologia e psicopatologia del nazismo. Ediz. ampliata

Adolf Hitler: analisi di una mente criminale. Psicologia e psicopatologia del nazismo. Ediz. ampliata
15 Recensioni

  • Editore: Mimesis
  • Autore: Riccardo Dalle Luche , Luca Petrini , Paolo Francesco Peloso
  • Collana: Il sapere psichiatrico
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2020

La mia battaglia (Documenti Vol. 1)

La mia battaglia (Documenti Vol. 1)
6 Recensioni

  • Hitler, Adolf (Author)

L'uomo che creò Adolf Hitler. Storia e segreti

  • Brownell, Will (Author)

🏷️💲Libri di Adolf Hitler in sconto

Testi di Adolf Hitler in promozione:

L'uomo che creò Adolf Hitler. Storia e segreti

  • Brownell, Will (Author)

Adolf Hitler: Die Jahre des Aufstiegs 1889 - 1939. Biographie

Adolf Hitler: Die Jahre des Aufstiegs 1889 - 1939. Biographie
64 Recensioni

  • Ullrich, Volker (Author)

Adolf Hitler: analisi di una mente criminale. Psicologia e psicopatologia del nazismo. Ediz. ampliata

Adolf Hitler: analisi di una mente criminale. Psicologia e psicopatologia del nazismo. Ediz. ampliata
15 Recensioni

  • Editore: Mimesis
  • Autore: Riccardo Dalle Luche , Luca Petrini , Paolo Francesco Peloso
  • Collana: Il sapere psichiatrico
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2020

🥇Miglior libro di Adolf Hitler: l’ imperdibile

Selezionare il Miglior libro di Adolf Hitler potrebbe essere un po‘ più difficile di quanto sembri. Ciò nonostante, in base al nostro giudizio abbiamo scelto quello che secondo noi Adolf Hitler: analisi di una al prezzo di 19,00 EUR è il migliore libro di Adolf Hitler presente su Amazon:

Votazione finale: 3.7

Offerta 5%Il migliore
Adolf Hitler: analisi di una mente criminale. Psicologia e psicopatologia del nazismo. Ediz. ampliata
15 Recensioni

Adolf Hitler: analisi di una mente criminale. Psicologia e psicopatologia del nazismo. Ediz. ampliata

  • Editore: Mimesis
  • Autore: Riccardo Dalle Luche , Luca Petrini , Paolo Francesco Peloso
  • Collana: Il sapere psichiatrico
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2020

Speriamo che la nostra classifica vi sia risultata utile. Se è cosi aiutaci condividendo questo articolo sui social.

Scopri i migliori libri grazie ai consigli de “La Rivista dei Libri”.

Per approfondire Adolf Hitler

Adolf Hitler, pronuncia tedesca [ˈadɔlf ˈhɪtlɐ] ascolta (Braunau am Inn, 20 aprile 1889 – Berlino, 30 aprile 1945), è stato un politico tedesco di origine austriaca, cancelliere del Reich dal 1933 e Führer della Germania dal 1934 al 1945.

Capo del Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori, nonché principale ideatore del nazionalsocialismo, Hitler conquistò il potere cavalcando l’orgoglio ferito del popolo tedesco, dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale e la grave crisi economica che affliggeva la Repubblica di Weimar. Sfruttando la sua abilità oratoria e l’insoddisfazione delle classi medie, presentò un manifesto politico intriso di nazionalismo, anticomunismo e antisemitismo e, dopo alterne vicende (fallito Putsch nel 1923 e conseguenti otto mesi di carcerazione, durante i quali iniziò la stesura del Mein Kampf), arrivò alla Cancelleria tedesca nel gennaio del 1933.

Nel 1934, dopo la morte del presidente Paul von Hindenburg, si attribuì per legge il titolo di Führer e Cancelliere del Reich, accentrando nelle sue mani i poteri dello Stato e instaurando un regime dittatoriale. Grazie a un possente ed efficace programma di ristrutturazione economica e riarmo militare, Hitler perseguì una politica estera estremamente aggressiva, volta principalmente a espandere il Lebensraum (in italiano “spazio vitale”) tedesco a spese delle popolazioni dell’Europa orientale. In un susseguirsi di atti di sfida alla comunità internazionale, giunse a invadere la Polonia il 1º settembre 1939, provocando così lo scoppio della seconda guerra mondiale.

Da quel momento, Hitler diresse personalmente le operazioni di guerra, esercitando un’influenza determinante nelle scelte strategiche e nella conduzione operativa. Grazie anche alle sue decisioni e alla sua determinazione, i primi anni del conflitto furono caratterizzati da impressionanti vittorie, che permisero al Terzo Reich di dominare gran parte dell’Europa e che sembrarono dimostrare l’invincibilità della Wehrmacht. Tuttavia, a partire dal 1942, con il formarsi della potente coalizione degli Alleati anglo-americano-sovietici, la Germania dovette passare sulla difensiva e subire gli attacchi sempre più efficaci dei suoi nemici. Abbandonato dagli alleati, logorato dalle continue sconfitte e in condizioni fisiche e psichiche sempre più precarie, Hitler rifiutò di cedere le armi e continuò a resistere ostinatamente. Rimasto bloccato con le truppe a lui fedeli in una Berlino ormai accerchiata dall’Armata Rossa, si suicidò nel suo bunker il 30 aprile 1945 insieme alla compagna Eva Braun, che aveva sposato il giorno prima.

Responsabile della morte di milioni di persone, Hitler fu propugnatore di un’ideologia nazionalista e razzista, nonché di una politica di discriminazione e sterminio che colpì vari gruppi etnici, politici e socialiː popolazioni slave, etnie romanì, testimoni di Geova, omosessuali, oppositori politici, membri della Massoneria, prigionieri di guerra, disabili fisici e mentali e, in particolar modo, gli ebrei. Segregati sin dal 1933 dalla vita sociale ed economica del Paese, gli ebrei e le altre minoranze furono oggetto dal 1941 di un piano d’internamento e sterminio noto con il nome di soluzione finale, al quale ci si è riferiti sin dall’immediato dopoguerra con il termine di Shoah o Olocausto. La parola genocidio fu coniata dall’ebreo polacco Raphael Lemkin in un’opera del 1944 sulle politiche di sterminio naziste.

 

Altri autori

Ultimo aggiornamento 2022-09-25 at 11:54 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API