I 5 imperdibili libri di Adam Smith

La Rivista dei Libri ha elaborato la classifica dei più venduti libri di Adam Smith di sempre.

Questa classifica si basa sui testi di Adam Smith più venduti sul mercato nell’ ultimo mese.

🏆Migliori libri di libri di Adam Smith: classifica

Adam Smith a Pechino. Genealogie del ventunesimo secolo

Adam Smith a Pechino. Genealogie del ventunesimo secolo
7 Recensioni

  • Arrighi, Giovanni (Author)

Teoria dei sentimenti morali

Teoria dei sentimenti morali
26 Recensioni

  • Smith, Adam (Author)

The Wealth of Nations

  • Smith, Adam (Author)

Adam Smith in Beijing: Lineages of the Twenty-First Century [Lingua inglese]

  • Arrighi, Giovanni (Author)

La ricchezza delle nazioni

  • Smith, Adam (Author)

🏷️💲Libri di Adam Smith in promozione

Libri di Adam Smith in promozione:

The Wealth of Nations

  • Smith, Adam (Author)

Adam Smith a Pechino. Genealogie del ventunesimo secolo

Adam Smith a Pechino. Genealogie del ventunesimo secolo
7 Recensioni

  • Arrighi, Giovanni (Author)

Teoria dei sentimenti morali

Teoria dei sentimenti morali
26 Recensioni

  • Smith, Adam (Author)

🥇Il miglior libro di Adam Smith: bestseller in assoluto

Selezionare il Miglior libro di Adam Smith potrebbe essere più complicato di quanto sembri. Detto questo, in base al nostro giudizio abbiamo scelto quello che secondo la nostra opinione Adam Smith a Pechino. Genealogie al prezzo di 26,60 EUR è il migliore libro di Adam Smith disponibile su Amazon:

Votazione finale: 4.6

Offerta 5%Il migliore
Adam Smith a Pechino. Genealogie del ventunesimo secolo
7 Recensioni

Adam Smith a Pechino. Genealogie del ventunesimo secolo

  • Arrighi, Giovanni (Author)

Speriamo che la nostra classifica vi sia risultata utile. Se è cosi aiutaci pubblicizzando questo articolo sui social.

Scopri i migliori testi grazie ai consigli de “La Rivista dei Libri”.

Approfondimento su Adam Smith

Adam Smith, talvolta italianizzato in Adamo Smith (Kirkcaldy, 5 giugno 1723 – Edimburgo, 17 luglio 1790), è stato un filosofo ed economista scozzese.

Dopo aver studiato filosofia sociale e morale all’Università di Glasgow e al Balliol College di Oxford, gettò le basi dell’economia politica classica e viene pertanto considerato unanimemente il primo degli economisti classici, sebbene non sia facile individuare con precisione la fine del mercantilismo e l’inizio dell’economia politica classica, poiché per un certo periodo ci fu una sovrapposizione tra le due correnti di pensiero.

Spesso è stato anche definito il padre della scienza economica; in effetti, molti precursori dell’economia classica produssero tessere o parti del mosaico, ma nessuno di essi fu in grado di fornire in un’unica opera il quadro generale delle forze che determinassero la ricchezza delle nazioni, delle politiche economiche più appropriate per promuovere la crescita e lo sviluppo e del modo in cui milioni di decisioni economiche prese autonomamente vengano effettivamente coordinate tramite il mercato.

L’opera più importante è intitolata Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni (1776), che chiude il periodo dei mercantilisti e dei fisiocratici, da lui così definiti e criticati, dando avvio alla serie di economisti classici, diventando il testo di riferimento per tutti gli economisti classici del XVIII e XIX secolo, come David Ricardo, Thomas Robert Malthus, Jean-Baptiste Say, John Stuart Mill, che o ne ripresero il contenuto per elaborare le proprie posizioni, anche divergenti fra di loro, oppure la criticarono alla ricerca di nuove vie, oltre a rappresentare un importante libro di storia economica dove vengono descritte le trasformazioni dell’economia inglese del tempo.

La sua concezione a proposito dello scopo della scienza economica segue quella dei mercantilisti, tendente alla spiegazione della natura e delle cause della ricchezza delle nazioni, mentre in termini moderni si direbbe che fu un teorico della macroeconomia, interessato alle forze che determinano la crescita economica, anche se queste erano ben più ampie rispetto all’ambito della moderna economia. Il suo modello economico è ricco di considerazioni di tipo politico, sociologico e storico.

 

Leggi anche

Ultimo aggiornamento 2022-09-28 at 08:44 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API